Con il patrocinio di:

EURORDIS

Alleanza Malattie Rare

 WHIN

 

Ordine dei giornalisti


CNR


IED

FIEG

USPI

FNSI

UNAMSI

Comunicazione Pubblica

Centro Documentazione Giornalistica

 

FERPI

 

Al via il V PREMIO OMAR dedicato alle malattie e tumori rari

Non solo giornalismo: da quest'anno il concorso è aperto a tutti i linguaggi di comunicazione.
In palio premi per un totale di 20.000 euro

Roma - Ritorna l’atteso appuntamento con il ‘Premio OMaR’, il concorso annuale che premia la comunicazione più efficace, competente e originale sui temi delle malattie e tumori rari. I termini per l’iscrizione si aprono oggi e si chiudono alla mezzanotte del 14 gennaio 2018. Il Premio, organizzato dall’Osservatorio Malattie Rare in partnership con il Centro Nazionale Malattie Rare dell’ISS, Orphanet, Fondazione Telethon e Uniamo FIMR onlus, è quest’anno alla sua V edizione. Un ‘compleanno’ importante segnato da rilevanti novità.

Intanto si cambia nome, da ‘premio giornalistico’ a “PREMIO OMAR PER LA COMUNICAZIONE SULLE MALATTIE E I TUMORI RARI”, una modifica che corrisponde all’apertura a tutti i linguaggi della comunicazione. Non solo un momento riservato ai giornalisti, dunque, ma un concorso aperto al più ampio mondo della comunicazione, che include, ad esempio, autori di campagne social, pubblicitari, autori di libri e fumetti, artisti e filmaker. “Con questo cambio di rotta abbiamo voluto prendere atto in maniera ufficiale del fatto che oggi il giornalismo propriamente detto non è più l’unica fonte di informazione e divulgazione”, ha dichiarato il direttore dell’Osservatorio Malattie Rare, Ilaria Ciancaleoni Bartoli. “Ad affiancarlo, e spesso ad integrarlo, concorrono diverse altre forme di comunicazione, come i social media, i cortometraggi, le campagne di comunicazione integrata, spot, film, mostre e altri diversi linguaggi, attraverso i quali è comunque possibile portare messaggi corretti anche su temi difficili e complessi come le malattie e i tumori rari”.

Dover esaminare e giudicare elaborati diversi dagli articoli o dai servizi giornalistici – ha aggiunto il direttore di Omar – ha comportato la necessità di allargare la giuria, chiamandovi esperti di diversi linguaggi”. Ad affiancare i giurati ‘storici’, espressone dei partner del Premio, ci sarà dunque un ampio pool di professionisti i cui nomi verranno rivelati prossimamente e pubblicati su questo sito.

La proclamazione dei vincitori e l’assegnazione dei premi avverrà in prossimità della Giornata delle Malattie Rare, che si celebra il 28 febbraio 2018, all’interno di un grande evento serale che si terrà a Roma e che vedrà presenti i partner del Premio, i membri della Giuria, le Associazioni pazienti, la stampa e numerosi stakeholder del mondo delle malattie e dei tumori rari. La realizzazione della V edizione è resa possibile grazie al contributo non condizionato di alcune aziende impegnate nel settore, come Alnylam, Amicus, Biogen, Chiesi Farmaceutici, Grifols, Intercept, Pfizer, Roche, Sanofi Genzyme, Santhera, Shire, Sobi e Vertex. L’elenco completo delle aziende che sostengono il Premio Omar attraverso un contributo non condizionato sarà reso noto e costantemente aggiornato su questo sito.

COME PARTECIPARE

I premi in palio in questa V edizione, per un montepremi che sfiora i 20mila euro, sono i seguenti: premio giornalistico categoria stampa e web; premio giornalistico categoria audio video; premio per la migliore campagna di comunicazione; premio per la migliore divulgazione attraverso libri o fumetti; premio per la migliore divulgazione attraverso le arti visive. Oltre a questi, la giuria si riserva il diritto di attribuire un proprio premio aggiuntivo. Il termine stabilito per l’iscrizione alla V edizione del Premio OMaR per la comunicazione sulle malattie e i tumori rari e l'invio dei materiali è fissato alla mezzanotte del 14 gennaio 2018.

Sono ammessi a partecipare a questa edizione tutti i lavori pubblicati, diffusi o aperti al pubblico nel periodo compreso tra il 1 ottobre 2016 e il 31 dicembre 2017; i lavori candidati alle categorie “Premio giornalistico stampa e web” e “Premio giornalistico audio/video” dovranno essere stati pubblicati su una testata regolarmente registrata presso il tribunale per la stampa. 

Su questo sito è possibile leggere il regolamento e scaricare i moduli per iscriversi al concorso.